Attività politiche

Parco Lama Balice, Damascelli (FI): “Rilancio assente e ancora tanti dubbi”

  • Stampa

By Galileoh getyourpaydaytoday.co.uk

"Oggi si è tenuta, su mia richiesta, la riunione della Commissione regionale Ambiente, Lavori Pubblici, Urbanistica per approfondire le tante criticità del Parco Naturale Regionale "Lama Balice": dagli abusi edilizi alla programmazione e alla gestione delle attività dell'ente.

A differenza di quanto raccontano i gestori della "Lama Balice", la verità è che il Parco, purtroppo, è poco conosciuto dai cittadini e versa in pessime condizioni".

Lo dichiara il consigliere regionale di Forza Italia, Domenico Damascelli.

"Sugli abusi edilizi, rimossi clandestinamente così come realizzati -aggiunge-
la cui denuncia non è certo partita da parte di chi doveva vigilare, non abbiamo ricevuto alcuna spiegazione soddisfacente. Peraltro, non abbiamo notato un particolare interesse nel voler conoscere come siano realmente andati i fatti, anzi, sembrerebbe che si voglia nascondere il reato fare calare l'oblio sul caso.

Perché? Un altro punto su cui non abbiamo ricevuto spiegazioni esaustive è quello della recente nomina del comitato tecnico di gestione, come ho già stigmatizzato in un'interrogazione comunale.

Per quanto riguarda, invece, le attività all'interno dell'area, il presidente del Parco, riferimento del Comune di Bari, ci ha raccontato di una serie di iniziative come se fosse in atto una politica di rilancio.

Che, però, non c'è e non lo diciamo soltanto noi, ma anche la cittadinanza.

Eppure, se ci fosse un'azione di promozione e pubblicità del Parco, potremmo dare un contributo significativo anche al turismo in Terra barese.

Oltre alle attività di comunicazione, sono necessarie opere di manutenzione e cura delle aree affinché si possa parlare di meta turistica.

Se tutto ciò fosse stato posto in essere –conclude Damascelli- i cittadini almeno della provincia di Bari sarebbero a conoscenza del luogo aperto al pubblico e visitarlo sarebbe una piacevole sorpresa. Non passeggiando, evidentemente, tra rifiuti e spazi non curati".